Artista realista

Wolfgang Alexander Kossuth



Wolfgang Alexander Kossuth (1947-2009) è nato a Pfronten, in Germania. È un pittore, uno scultore, un violinista e un direttore d'orchestra e ha dedicato tutta la sua vita all'arte, unendo la passione per la musica con l'arte figurativa. Le sue opere ritraggono personaggi importanti del background musicale, letterale e del balletto. Preferisce la scultura perché con essa si esprime meglio. L'essere umano è sempre il centro della composizione.





Studi e movimenti anatomici; la bellezza classica unisce equilibri improbabili. Il risultato è una figura umana perfetta che va oltre la realtà. Una visione personale dell'artista che sostiene e rifiuta allo stesso tempo il naturalismo. La cerimonia e la teatralità caricano di pathos le sue sculture; potenza e intrecci, corpi di ballerini contro la gravità, un'esplosione di energia e dinamismo. Forme marmo, bronzo, resina e gesso. Dipinge su tela gli stessi soggetti: olio e nudi pastello, contorni morbidi, magistrale chiaroscuro. I corpi sensuali si muovono in tutto lo spazio, in bilico tra forza muscolare ed emotiva. Dal 1970 al 1974 è stato violinista nell'orchestra del Teatro alla Scala di Milano e nel 1975 è stato il direttore d'orchestra. Dopo quattro anni lascia la musica per la scultura, frequentando i corsi all'Accademia di Brera. Dal 1981 le sue opere sono state esposte all'estero e in Italia (Il Museo alla Scala e molti altri teatri liguri come Carlo Felice a Genova). È morto prematuramente il 30 dicembre 2009.






















Tutte le sculture sono "modellata"di Kossuth in argilla e poi formato in gesso, per creare il mould. Lo stampo in gesso viene poi portato alla fucina dove il bronzo viene prodotto attraverso l'antica tecnica della fusione"una cera persa"oppure viene portato a personale specializzato che produce la statua in polvere di marmo. Le terrecotte vengono prodotte prendendo l'argilla modellata in una fornace dove viene cotta a circa 900-1000 gradi. I disegni sono realizzati con gesso rosso su carta. Il gesso rosso è un bastoncino di muffa compressa mescolato con elementi naturali.



























Wolfgang Alexander Kossuth (1947-2009) nasce a Pfronten, Germania.Dopo gli studi nel 1968 si trasferisce a Napoli colomba si diploma in violino. Vince il concorso internazionale come violino, al teatro alla Scala di Milano.Dal 1970-1972 suona in orchestra e contemporanea studia composizione e direzione d'orchestra.Nel 1975 debutta con l'orchestra del Teatro alla Scala in qualità di direttore.Nel 1979 abbandona l'avviata carriera musicale per dedicarsi alla scultura, da allora illustri personaggi della musica, della letteratura, della danza sono diventati protagonisti delle sue opere, come Alberto Erede, Leonard Bernstein, Mario Del Monaco, Giuseppe DiStefano, Luciana Savignano, Milva, Valeria Moriconi , Mario Soldati, Sergiu Celibidache, Sandor Vegh, Sierk Schroder, Ottavio Mazzonis, Andrea Jonasson-Strehler, Liliana Cosi, Alessandra Ferri, Massimo Murru, Roberto Bolle.Nel 1981 viene inaugurato al Museo della Scala il ritratto di Mario Del Monaco, nel 1986 la statua di Domenico Scarlatti all'auditorium della Rai di Napoli; nel 1992 la scultura Simona entra in una parte lontana della collezione del Museo Paaw di Wassenaar in Olanda. Nel 1993 il ritratto del poeta Vittorio Sereni si trova nel Museo civico di Luino.
La grande scultura dedicata a Paganini di Niccolò viene posta nel teatro Carlo Felice di Genova.
Nel 1995 la scultura Salome 'nel 1997 la scultura Innamorata entra in una parte lontana della collezione del Museo Bandera di Busto Arsizio, nel 1999 l'opera Maternità diviene simbolo dell'Unicef ​​della Repubblica di San Marino.Nel 2003 riceve una targa dal centro studi coreografici -Teatro Carcano- un riconoscimento della sua opera artistica dedicata in particolare all'arte della danza. Nel gennaio 2004 gli viene conferita la targa del Presidente della Repubblica in occasione della mostra Il volo da Icaro ai nostri giorni.




Guarda il video: - Le sculture sacre di Alexander Kossuth (Febbraio 2020).

Загрузка...