Artista ungherese

Botond Kuti, 1984 | Pittore figurativo astratto

Pin
Send
Share
Send
Send





Botond Kuti è un artista ungherese della Transilvania.Botond Kuti è nato a Marosvásárhely (Tg. Mures) e crescendo nel cuore della Transilvania, in una città chiamata Szováta (Sovata), influenzato dai dipinti di suo padre, presto si dedicò all'arte. Dato questo background artistico e creativo, era determinato a diventare un pittore all'età di 14 anni. Dal 1999 al 2003, Botond è stato uno studente di borsa di studio nel dipartimento di pittura presso l'Istituto di Belle Arti Palló Imre di Székelyudvarhely (Odorheiu Secuiesc).






Nel 2003 è stato ammesso al Dipartimento di Pittura presso l'Università di Arte e Design di Kolozsvár (Cluj Napoca). Ha completato con successo i suoi studi a livello BA nel 2007, e il Master of Arts a livello dell'anno 2009. Dopo aver completato gli studi universitari, è tornato nella sua città natale per un breve periodo. Ha lavorato come grafico per una rivista d'arte locale. Ha scoperto che questo è davvero un ottimo esperimento e sfida visivamente, ma ha ritenuto che questo lavoro lo distrasse dal creare i suoi dipinti originali. Tornò a Kolozsvár, dove attualmente vive. Botond è un pittore indipendente e indipendente, con opere esposte in numerose mostre e gallerie di prestigio. Nel luglio 2011 padre e figlio hanno una mostra a Brühl, in Germania. Le sue opere finora sono state esposte a Szováta, Marosvásárhely, Kolozsvár, Pécs, Budapest e Londra ("Arte di vivere"- Mostra d'arte internazionale, Knighstbride, Londra). Uscendo dall'ombra" del celebre padre pittore, Dénes Kuti, la strada artistica di Botond lo ha condotto attraverso una serie di influenze e temi. La sua costante ricerca e sperimentazione ha portato a una serie di fasi: i primi paesaggi e immagini sono stati seguiti dal tentativo di raffigurare il passare del tempo.Nudi di Wreck"La serie ha catturato l'attenzione di un pubblico più ampio, Botond si è rivolto agli abstract, sperimentando di recente nuove tecniche che attraversano la linea tra arte bi e tridimensionale. The Last Dance (2008) riflette come le influenze regionali e culturali siano state un fattore determinante nel suo lavoro in quanto le donne indossano abiti tradizionali széki. Si può dire che questo dipinto evoca emozioni passate, richiama la bellezza del passato. La tradizione è molto viva, vivida, che è rafforzata dalla varietà e dalla tensione dei colori. Tuttavia questa danza vertiginosa, con il suo movimento senza fine e la miscela di colori, richiama un'atmosfera apocalittica.












































Guarda il video: Tündi első ugrása (Giugno 2020).

Загрузка...

Pin
Send
Share
Send
Send