Arte romantica

Narcisse Diaz de la Peña ~ La scuola di pittori di Barbizon

Pin
Send
Share
Send
Send





Narcisse-Virgilio Díaz de la Peña (1808-1876) nacque nel 1808 a Bordeaux, da genitori spagnoli fuggiti dalle guerre peninsulari. Dopo la loro morte prematura, è cresciuto in affidamento a Meudon. A tredici anni, un'infezione, causata da una puntura d'insetto o da un morso di serpente, richiedeva l'amputazione della gamba sinistra. Nel 1823 iniziò un apprendistato in pittura su porcellana in una fabbrica di porcellana a Parigi, dove incontrò Jules Dupré (1811-1889), che doveva diventare il suo amico per tutta la vita.


Stanco del lavoro industriale, Diaz si imbarcò alla fine degli anni '20 in un corso di studi indipendenti, fu brevemente istruito dal pittore di storia François Souchon (1787-1857), copiò i maestri al Louvre e si sostenne con la vendita di piccole immagini di sua invenzione.
La poesia di Victor Hugo e il dipinto di Delacroix lo hanno risvegliato in un'emulazione entusiasta. Il suo primo lavoro consisteva in pastiche romantiche "foto fantasiose"--odalici, bagnanti, mitologie erotiche, idillio sentimentale. Dotato di una struttura abbondante e pericolosamente senza sforzo, ha fornito al mercato artistico soggetti gradevoli in stili variamente debitori a Correggio, Watteau e Prud'hon, e non ha avuto difficoltà ad entrare i suoi dipinti nei saloni di Parigi degli anni '30 e '40.

Intorno al 1833 iniziò ad esplorare la foresta di Fontainebleau, dove negli anni seguenti divenne un abituale frequentatore estivo, formando una stretta associazione con Théodore Rousseau (1812-1867) e gli altri paesaggisti di quella che divenne nota come la Scuola di Barbizon.
I suoi studi sulla foresta furono dipinti con la stessa velocità e scioltezza dei suoi romantici idilli, dandogli la reputazione di fabbrica-come la produttività- e un reddito enormemente più grande di quello dei suoi compagni più lenti e meno accomodanti a Barbizon, per i cui bisogni generosamente ha fornito un sostegno finanziario. Ottenuto una medaglia di prima classe al Salon del 1848, fu nominato cavaliere della Legion d'onore nel 1851. I suoi dipinti avevano prezzi più alti di quelli di Corot, Rousseau o Millet, ma i critici erano riservati nel loro giudizio sul suo lavoro, ammirando il suo colorismo mentre deplorando ciò che consideravano la sua superficialità.




Dopo il 1859 Diaz cessò di esporre al Salon. Pittori di una nuova generazione, Claude Monet (1840-1926), Pierre-Auguste Renoir (1841-1919) e Alfred Sisley (1839-1899), incontrato nella foresta di Fontainebleau nel 1864, ricevette il suo caloroso incoraggiamento. A Etretat, dove fu in estate nel 1869, dipinse paesaggi marini in compagnia di Gustave Courbet. Durante la guerra franco-prussiana di 1870-1871, ha cercato rifugio a Bruxelles. Morì nel 1876, all'età di sessantotto anni, nella località balneare di Mentone. | © National Gallery of Art, Washington, D.C.






































Narcisse Virgilio Díaz de la Peña (Bordeaux, 25 agosto 1807 - Mentone, 18 novembre 1876) è stato un pittore Francese della scuola di Barbizon.
Diaz nacque a Bordeaux da genitori spagnoli. A soli 10 anni Diaz rimase orfano per cui è trasferito nelle vicinanze di Sèvres presso gli amici di sua madre. È proprio nelle vicinanze di una località, un Meudon, che è morso da un rettile e, malgrado i soccorsi siano istantanei, è necessario amptargli una gamba. La sua gamba di legno divenne famosa.
A quindici anni iniziò i suoi studi a Sèvres Fortemente attratto dalla Turchia e dai paesaggi orientali, iniziò un dipingere immagini riccamente ispirate a costumi e colori orientali; molti di questi lavori sono tuttora esistenti. Negli anni anni 'molto tempo presso la scuola di Barbizon.
All'incirca nel 1831 Díaz incontrò il Théodore Rousseau, sviluppando per lui una vera e propria venerazione. A Fontainebleau Díaz vide Rousseau dipingere alcuni paesaggi delle sue fantastiche forsete e decise di dipingere allo stesso modo. Rousseau non godeva di una buona salute, cosa questa lo rendeva piuttosto inasprito verso il mondo, e di conseguenza era di difficile approccio. In una occasione, Diaz lo seguì di nascosto nella foresta e cerco 'di osservare il suo metodo di lavoro. Con il tempo Díaz riuscì a diventare amico di Rousseau, il che, toccato dalle parole di estrema ammirazione, decise di rivelare le sue preoccupazioni e insegnare tutto quello che sapeva.
Díaz esibì molti lavori al Salone di Parigi nel 1851. Durante la Guerra Franco-Prussiana si trasferì a Bruxelles. Dopo il 1871 le sue opere divennero di moda e si alzò la stima dei collezionisti nei suoi riguardi. Le più belle immagini di Diaz sono le scene della foresta e le tempeste, opere su cui si basa la sua fama. Esistono diversi esempi del suo lavoro al Louvre, e nel Wallace Collection, Hertford House. Forse le opere più note di Diaz sono "La Fée aux Perles" (1857, ospitato al Louvre), "Tramonto nella foresta" (1868), "La Tempesta"e"La foresta di Fontainebleau" (1870, ospitato a Leeds).
Diaz non era allievi conosciuti, ma François Visconti ha mostrato in una certa misura emulazione del suo lavoro e anche Léon Richet ha seguito marcatamente i suoi metodi di pittura. Per un periodo, Jean-François Millet dipinse anche piccole figure a imitazione dichiarata di Diaz poi soggetti popolari. Nel 1876, mentre era in visita alla tomba di suo figlio, prese un raffreddore. E 'un mentone, nel tentativo di guarire il 18 novembre dello stesso anno trovò la morte. Nel 1881, ha ricevuto postumo la Legion d'Onore.
Il figlio di Díaz, Eugène-Émile (1837-1901), ottenne una discreta notorieta 'come compositore Eugène Diaz.

Pin
Send
Share
Send
Send