Artista italiano

Bruno Vallino, 1949 ~ pittore Plein Air

Pin
Send
Share
Send
Send





Il pittore italiano Bruno Vallino è nato a Locana Canavese il 18 maggio 1949. Vive e lavora a San Germano Chisone, (TO) Italia
Ha perso suo padre mentre era ancora un bambino e la sua famiglia è stata costretta a trasferirsi a Pinerolo (Piemonte). Qui Bruno assiste il collegio locale dove è rimasto per nove anni. "Ero al terzo anno - dice - quando il pittore Beretta fece intervenire Vigone per restaurare la Cappella. La sua arte mi ha incantato e ho passato tutto il tempo libero a guardarlo e sognare. Come vorrei che a lui piacesse quel pittore, pensai. La passione per l'aria era stata accesa dentro di me e quando l'anno seguente ci fu un concorso di disegno regionale per la scuola elementare, vi partecipai con grande eccitazione. Ci è stato chiesto di illustrare un episodio dal libro "Cuore".

Ho disegnato la storia del tamburello sardo e poi ho atteso con ansia il risultato. Quando alla fine ho scoperto che avevano scelto il mio disegno, mi sono sentito come uno dei "grandiE così questo è stato il mio inizio artistico, purtroppo come spesso accade nella vita: il bisogno di guadagnarsi da vivere significava scegliere un'educazione che gli avrebbe offerto la possibilità di un lavoro e Bruno non poteva permettersi di andare all'arte scuola che ha affidato ad un collegio tecnico, ma l'insegnante di disegno lo ha notato e gli ha insegnato le tecniche elementari del disegno e della pittura e lo ha incoraggiato a iscriversi all'Accademia. (Accademia d'arte). All'uscita da scuola, Bruno trova lavoro come apprendista decoratore mentre il suo cuore e la sua anima sono destinati a dipingere. Così nel suo tempo libero affina la sua arte. Inizialmente copia le cartoline e poi riproduce i grandi maestri come Degas, Pissarro, Monet e Van Gogh.


Il tempo passa e il nostro giovane artista deve fare la sua leva militare. Eppure, anche nelle baracche spietate, si fa un nome e ottiene il permesso, insieme ad alcuni dei suoi compagni, di dipingere un murale nella mensa dell'ufficiale. Dopo averlo raggiunto con successo, ora è convinto di dover riprendere l'arte. Una volta ricevuto i documenti di rilascio, riesce a organizzare due spettacoli a San Germano. Sua madre, fervida ammiratrice e saggia consigliera, lo incoraggia a dipingere nuovi temi come paesaggi e nature morte. Questi sono ricevuti bene dalla critica. Dopo il suo matrimonio nel 1974, la sua produttività diminuisce. "Per mancanza di spazio"Dice, ma poi torna a San Germano e ancora una volta dipinge con grande verve grazie anche al consiglio del pittore Guj Rìvoir, che apre nuove prospettive: questa amicizia genera una serie di immagini che vanno dal astratto al realistico Nel frattempo un gruppo di artisti è stato fondato a Villar Perosa.Villar Arte'Bruno si unisce a loro.

È il periodo in cui inizia a scoprire acquerelli a / so grazie a un corso guidato dal pittore. Nini Pero, che frequenta con un brillante successo. Accanto al gruppo Villar Arte, partecipa a varie collezioni organizzate a Orbassano, Volvera, Pragelato, Pinasca e Villar Perosa. Come molti artisti, Bruno è ora assalito da un periodo di tristezza e disincanto. Pensa addirittura di smettere di dipingere, grazie all'incoraggiamento di sua moglie e dei suoi figli, passa attraverso questa fase nera e continua il suo lavoro. Con sua grande soddisfazione riceve il terzo premio in uno spettacolo allestito dove lavora. "Ma la cosa più importante, dice l'artista ", è che mi ha dato la possibilità di incontrare il pittore, Guido Avanzi, il cui consiglio e incoraggiamento riaccende in me ancora una volta tutta la gioia della pittura e mi spinge a portare il mio cavalletto per le strade e prendere parte ad attività estemporanee".
Accanto al pittore Avanzi, Bruno si unisce al "Spazio-Arte"gruppo in Perosa Argentina. Il gruppo promuove spettacoli e collezioni in cui non ci sono premi ma che gli offre una straordinaria opportunità di incontrare scrittori e poeti e di scambiare idee e opinioni con loro.



























Il pittore Italiano Bruno Vallino è nato a Locana nel Canavese il 18 maggio 1949, vive ed opera a S.Germano Chisone (TO).
Ancora bambino, rimane orfano del padre e la famiglia è costretta a trasferirsi a Pinerolo. Qui, Bruno entra nel locale collegio, dove rimane per ben nove anni. "Frequentavo la terza elementare"Dice l'artista, quando in occasione del restauro della Cappella, è stato chiamato il pittore Baretta di Vigone per eseguire nuovi affreschi." La sua arte mi ha affascinato ed è passato a vedere tutte le mie ore libere a guardarlo e a fantasticare. "Vorrei essere come quel pittore"Pensavo." Dentro di me è accorso la passione per l'arte e per l'anno prossimo è un concorso regionale di disegno per le scuole elementari, partecipò con entusiasmo.

Disegna il racconto del Tamburino Sardo ed aspettai tanto batticuore"Fu scelto il suo cartello."Mi sentii Grande"pensò Bruno. Questo è l'inizio artistico., non sono permettersi di seguire studi artistici specifici, s'iscrive all ' Avviamento Professionale ad indirizzo industriale. Viene, però, dal professore di disegno che gli impartisce i primi rudimenti della pittura e lo incoraggia ad iscriversi all'Accademia Artistica. Finite le scuole, Bruno trova lavoro come apprendista decoratore, ma il suo cuore e la la storia e la pittura, i ritagli di tempo libero, la sua arte prima di tutto nel cartoline ed i grandi maestri come Degas, il Pissarro, Monet e Van Gogh. Passa il tempo ed è il nostro giovane artista, va militare. Anche nella rude caserma ha modo di farsi conoscere ed accettare di dipingere, con alcuni commilitoni, un affresco nella sala mensa. Marco Galliano ad organizzare due mostre a San Germano Chisone.

La mamma, è fervente ammiratrice e saggia consigliera, l'incoraggiamento verso nuovi temi come paesaggi e nature morte. Con le sue opere ebbe un buon consenso dalla critica. Il matrimonio, avvenuto nel 1974, rallenta un po 'l'attività, "per mancanza di spazio". Quando si trasferisce un San Germano Chisone, riprende un dipingere con grande entusiasmo anche grazie ai consigli del pittore. Da quest'incontro nasce una serie di quadri tra l'astratto ed il realistico. A Villar Perosa, intanto, prendeva vita un gruppo d'artisti "Villar Arte"E Bruno Vi Partecipa" E 'il periodo in cui si inizia a conoscere l'acquerello, anche grazie ad un corso della pittrice Nini Pero, al quale partecipa con ottimi risultati. Con il gruppo Villar Arte prende parte ad una collettiva diversificata ad Orbassano, Volvera , Pragelato, Pinasca e Villar Perosa. Come per molti artisti, anche Bruno conosce un periodo di tristezza e delusione, pensa quasi di dipingere, ma grazie agli incoraggiamenti della moglie e del figlio, supera questo momento buio e continua a lavorare. L'esperienza di conoscere il pittore Guido Avanzi che, con i suoi consigli ed incoraggiamenti, gli occhi veramente ritroviamo la gioia di dipingere, di uscire con il suo cavalletto tra la gente e partecipare ad estemporanee ". Con il pittore Avanzi, Bruno partecipa al gruppo "Spazio-Arte"una Perosa Argentina. Si tratta di un gruppo che promuove mostre, dove non ci sono premi, ma c'è la straordinaria occasione di conoscere gli scrittori e i poeti con i quali scambiare opinioni ed idee, partecipa alla raccolta di notizie con la scrittrice Lina Dolce per il libro "L'acqua raccontaNel seguito s'iscrisse al Gruppo Spazio Arte di Orbassano, e al Gruppo Artistico "Le Radici"di None, dove rimase per un po 'd'anni, partecipando a diverse mostre ed estemporanee, ampliando così le sue conoscenze nel mondo dell'Arte.

In occasione della mostra a S.Stefano Belbo nel 1999 alla quale partecipa con l'opera "La luna e io falò"Piero Giurgiutti, che ha conosciuto qualche anno prima ad una estemporanea, poi per causa varie non era più visto. Avendo un po 'di tempo libero in più, nasce fra i due un'amicizia, non solo nell' Da Piero, Bruno ha appreso molte nozioni nella pittura, per lui è un vero salto di qualità. Grazie anche ai consigli di altri pittori amici di Piero. Gino Bonizzoni, Antonio Russo, Claudio Vivalda per citarne alcuni, sono grandi progetti, ma tre grossi dispiaceri lo attendono La morte della mamma, la separazione con la moglie e una bruttissima malattia frenano i suoi programmi. riprendersi Qui si apre un nuovo periodo, dove tutto sembra nero ma poi piano piano rientra nel mondo dell'arte.
Riprende una partecipazione alle estemporanee colomba istaura diverse nuove amicizie, la pittrice Pansini di Torino, Kristian di Mazze e alcuni pittori del vercellese, lombardi e liguri. Una nuova passione pervade. Vuole insegnare a disegnare e dipingere. L'occasione si presenta subito. Inizia con un gruppo a Porte e un altro a Pinasca. Grazie per l'entusiasmo dei suoi allievi, incontra la voglia di fare un laboratorio un pinerolo e gli obiettivi alcuni consigli, in quanto questa nuova attività comprende anche materiali per la pittura, corsi vari e il disegno di pittura e pittura. Con lei nasce una grand'amicizia. Così all'apertura di Artisticando, un locale per l'arte in generale, nuovi corsi di disegno e pittura, preparazione anche alcuni piccoli libri informativi, per meglio meglio capire il disegno, (Primi passi, passo dopo passo, la teoria del colore). Bruno è impegnato quasi tutti i giorni, con grande entusiasmo.



Nascono nuove amicizie anche fuori dei corsi. Bruno apre i suoi orizzonti fa una personale a Cremona e a Sanremo. La sua soddisfazione è grandiosa quando spone con tre dei suoi allievi a Pinerolo. L'amore è un dolore, per Bruno è un brutto colpo. In occasione della personale un Bricherasio conosce il pittore saluzzese Assunto Isoardi, tra i due ci sono pochi giorni di diversità anagrafica e scoprono di essere stati in collegio assieme, s'istaura una collaborazione artistica, insieme alla scoperta di paesaggi montani nel cuneese, colomba Bruno trova nuove ispirazioni. Allestono insieme due personali a Laigueglia ed a Vernante. Due suoi allievi, Daniela Issoglio e Silvio Papale partecipano ad estemporanee e concorsi con successo. Con Daniela, nel 2009 partecipa ad alcune mostre in Toscana. Nuovi allievi incominciano, altri si fermano per motivi vari, qualcuno si lancia nell'avventura dell'arte, ma ad ognuno di loro lascia qualcosa di importante, "la passione per la bella pittura".


Alcuni Premi
- Argentierre la Bessèe (Francia), medaglia argento;
- Avigliana (TO), Premio "ARTE in PLEIN-AIR";
- Bersano S.Pietro (AT), premio della critica;
- Cocconato (AT), Premio "Comune Cocconato";
- Rivalta (TO), 1 ° classificato;
- Guarene (CN), 4 ° classificato;
- Rivara (TO) 3 ° classificato;
- S.Remo, "Una canzone in cornice"segnalazione;
- Oglianico (TO) 2 ° classificato;
- Nizza Monferrato (AT) 3 ° classificato;
- Candiolo (TO) 6 ° classificato.

Guarda il video: BRUNO VALLINO - 1949 - ITALIAN PAINTER -A C - (Ottobre 2021).

Загрузка...

Pin
Send
Share
Send
Send