Artista turco

Charles Garabed Atamian | Plein Air painter

Pin
Send
Share
Send
Send




Charles Garabed Atamian era considerato l'artista della vita e della luce, maestro del paesaggio e scene marine. Era un acuto osservatore di umori e gesti umani. La maggior parte delle sue opere sono dipinti ad olio e spesso raffigurava scene di spiaggia, in particolare bambini che giocavano nella sabbia.Charles Garabed Atamian (18 settembre 1872 - 30 luglio 1947) è nato da una famiglia armena. Come giovane artista, Charles Atamian si unì al liceo francese Saint-Benoît a Istanbul nel 1880. Proseguì gli studi superiori a Venezia, dove si diplomò in disegno, pittura e calligrafia.
Nel 1892 entrò all'Accademia di Belle Arti di Venezia. Due anni dopo, decise di tornare a Costantinopoli e divenne il pittore ufficiale del sultano Abdul Hamid II. Nel 1897, si stabilì definitivamente a Parigi, in uno studio nella Villa des Arts. . Dopo il 1910, iniziò a dipingere ritratti di personaggi famosi e, dal 1913 al 1942, espose regolarmente al Salon des Beaux-Arts e, dal 1938 al 1945, al Salon des Indépendants.




Nel 1923, scoprì la costa della Vandea. Sedotto e ispirato dal paesaggio marino, avrebbe prodotto circa 200 dipinti, principalmente bambini sulla spiaggia.
Nel 1992, è stato nominato cittadino onorario della città di Saint-Gilles-Croix de Vie, in Vandea, con una strada che porta il suo nome. Nel 1995, sua nipote ha donato 42 dipinti alla stessa città.















Charles Garabed Atamian (1872-1947) nacque a Costantinopoli. Quando era 13 anni, fu mandato a Venezia per studiare in un liceo armeno gestito dai sacerdoti mechitaristi del monastero di San Lazzaro.Mostrò grande interesse per la pittura, così gli studenti scolastici lo fecero arruolare nello studio gestito dai maestri Paoletti e Tagliapietra, con cui studiò fino al 1894. Di nuovo a Costantinopoli, fu assunto come designer in uno studio di ceramica appartenente alla corte del sultano Abd-ul-Hamid, che lasciò due anni dopo una causa di persecuzione del suo popolo (gli armeni) ordinata dal sultano. Con grande difficoltà, riuscì finalmente a fuggire a Parigi nel 1897 - dove si stabilì la sua residenza permanente.All'inizio, ha guadagnato la maggior parte della sua vita dalle sue illustrazioni. Ha anche creato scenografie per il teatro.Più tardi nella sua carriera, si è dedicato esclusivamente alla pittura. La prima volta che Atamian entrò in una mostra fu nel 1903 al Salon d'autunno.Partecipò poi ai successivi 40 anni nei Saloni della Società Nazionale di Belle Arti di cui era membro; nei successivi 12 anni, in quei tenuti dalla Society of Independent Artists; nel salone di Meudon nel 1945; nelle mostre dell'Associazione degli artisti armeni ("ANI"), ecc.Organizzò anche spettacoli privati: ad Allard's nel 1921; Georges Petit's nel 1923 e nel 1927; Simonson's nel 1928; Schusterman's nel 1934; Rosenthal's nel 1936; ecc ... Ha anche esposto frequentemente in spettacoli nel resto della Francia e all ' estero a Bruxelles, Buenos Aires, Giappone, Canada, Venezuela, ecc. Il Museo del Lussemburgo, il Petit Palais e il Museo dell'Esercito a Parigi, così come i musei di Calais, Troyes, la Svizzera e il Belgio possiedono le sue opere , tra gli altri. | Fonte: Peintres et Sculpteurs Armenien di Onnig Avedissian, pubblicato in Egitto nel 1959


Guarda il video: Hoy Nare Nare traditional song from Armenia (Aprile 2020).

Загрузка...

Pin
Send
Share
Send
Send