Artista russo

Marc Chagall | Citazioni / Aforismi ⁽³⁾

Pin
Send
Share
Send
Send



  • Sto lavorando a Parigi. Non posso per un solo giorno togliermi dalla mente il pensiero che probabilmente esiste qualcosa di essenziale, una realtà immutabile, e ora che ho perso tutto il resto (grazie a Dio, si perde tutto da solo) Sto cercando di preservarlo e, per di più, di non essere contento. In una parola: sto lavorando.
  • Adoro il teatro e sono un pittore. Penso che i due siano fatti per un matrimonio d'amore. Darò tutta la mia anima per dimostrarlo ancora una volta.


Le stelle erano i miei migliori amici. L'aria era piena di leggende e fantasmi, pieni di creature mitiche e fiabesche, che improvvisamente volarono via sul tetto, così che uno era tutt'uno con il firmamento.











Né la Russia imperiale, né la Russia dei sovietici hanno bisogno di me. Non mi capiscono. Sono estraneo a loro. Sono sicuro che Rembrandt mi ama.
Le mie opere mi sono care, ognuna a modo suo, dovrò rispondere per loro nel Giorno del Giudizio. Dio solo sa se li rivedrò mai più. A parte i soldi che avrei ricevuto per la loro vendita lì (mostra in Galleria Der Sturm, Berlino giugno-luglio 1914) e non è una piccola somma ...


L'arte è innanzitutto uno stato mentale, e solo secondariamente un problema di forma.





  • Un quadro deve fiorire come qualcosa di vivo. Deve afferrare qualcosa di inafferrabile: il fascino e il significato profondo di quello che ci sta a cuore.
  • Tutti i colori sono gli amici dei loro vicini e gli amanti dei loro opposti.
  • Mia soltanto è la patria della mia anima. Vi posso entrare senza passaporto e mi sento a casa; si vede la mia tristezza e la mia solitudine ma non vi sono il caso: sono distrutte durante la mia infanzia, i loro inquilini volano ora nell'aria in cerca di una casa, vivo nella mia anima.




Pin
Send
Share
Send
Send