Artista realista

Gregor Erhart


Questa figura insolita rappresenta santa Maria Maddalena come un asceta mistico. Secondo la leggenda, il peccatore pentito viveva una vita isolata nella caverna di Sainte-Baume, vestita solo per i suoi capelli. Ogni giorno lei veniva sollevata in cielo dagli angeli per ascoltare il coro celeste. La statua apparve sul mercato dell'arte tedesca ** nel XIX secolo e fu acquistata dal Louvre nel 1902.
  • Una statua vista a tutto tondo
Il santo era originariamente sostenuto da angeli scolpiti. Incastonato in una struttura metallica ovale, la statua di legno era sospesa dalla volta di una chiesa, forse la chiesa di Santa Maria Maddalena nel convento domenicano di Augusta, che fu ricostruita nel 1513-15.
Deve essere stato visto a tutto tondo, poiché la parte posteriore è accuratamente scolpita e colorata come la parte anteriore. La statua fu poi tolta e gli angeli furono rimossi.
  • Tra gotico e rinascimentale
Questo Maria Maddalena è attribuito a Gregor Erhart (1470-1540) attraverso il confronto con la Vergine della Misericordia di Kaisheim scolpita dallo scultore nel 1502-03 (Staatliche Museen, Berlino, distrutta nel 1945). Si è iscritto a Ulm, in Svevia, dal padre Michael Erhart (menzionato a Ulm dal 1469-1522), Gregor si trasferì ad Augusta nel 1494 dove divenne un importante maestro scultore. Lo stile generoso e raffinato di Santa Maria Maddalena, la sua grazia pacifica e il suo viso gentile fanno davvero parte della tradizione tardo-gotica sveva. Ma l'anca spinta, che suggerisce un contrapposto classico, le proporzioni armoniose e la pienezza del corpo femminile nudo rivelano la conoscenza del lavoro di Dürer e un ricerca della bellezza formale specifica del Rinascimento **. Il genio di Gregor Erhart era interpretare l'immagine tradizionale del santo trasportato in cielo dagli angeli in una maniera senza precedenti nella scultura. Dalla convenzione gotica di una figura sottile e irreale, rivela curve femminili, a malapena nascoste dalla criniera increspata di capelli dorati che le scorre sulle spalle e si allarga sulla schiena. La modellazione del corpo - le leggere cavità di muscoli tesi e lievi solchi sulle parti carnose - mostra una grande sensibilità. La bellezza del viso, con le sue caratteristiche regolari regolari scolpite dal legno di tiglio con grande sottigliezza, è accentuata dalla policromia originale, che è pallida e molto raffinata nella tradizione gotica.
  • Sensuale ma idealizzato
La presenza carnale di questa statua a grandezza naturale doveva essere molto imponente nella chiesa. Ma l'immagine sensuale, quasi profana che offre oggi, priva dei suoi angeli scolpiti, dovrebbe essere temperata. La posa languida e l'espressione meditativa hanno lo scopo di trasmettere l'estasi mistica del penitente, mentre la sua meravigliosa bellezza e lucenti ciocche dorate hanno lo scopo di evocare il suo santo fulgore.La concezione di questo nudo femminile è quindi in fase con il contenuto spirituale dell'immagine religiosa, idealizzata nella tradizione medievale.Gregor Erhart qui ha prodotto il suo capolavoro, una brillante creazione di umanesimo nordico nel tardo Medioevo, sul soglia del Rinascimento **. | © Musée du Louvre








Gregor Erhart (1470-1540) è stato uno scultore Tedesco ** in legno ed in pietra di formazione è stato ripreso e ispirato dallo stile rinascimentale ** Santa Maria Maddalena, scultura policroma in tiglio del 1510, è una delle più famose, si trova al Museo del Louvre. Rappresentata come un'asceta mistica, penitente, vestita soltanto dei suoi capelli, vissuta nella Grotta di Sainte-Baume. Covo d'Angeli, la rinascita per udire il coro celeste.Così fu recente rappresentata sostenuta dagli angeli e sospesa sulla volta della Chiesa, molto probabilmente è una sua opera nel collegio domenicano di Augusta, costruita nei primi anni del 1500. Nel 1900 la statua appare sul mercato d'arte tedesco e quindi acquistata dal Museo del Louvre ma privata degli angeli che sono rimossi.Privata degli angeli, ci appare oggi come immagine sensuale, quasi profana. L'espressione meditativa e la posa languida, mentre la mia meravigliosa bellezza e i riccioli d'oro, hanno lo scopo di evocare la sua grandezza di santa. Una creazione geniale di umanesimo nordico, nel tardo medioevo.


1945: James Rorimer devant la statua Eve, trois tableaux de Cranach et trois Rembrandt in un salle du dépôt de Berchtesgaden. Sur la gauche, la statua di Gregor Erhart, Sainte Marie Madeleine, dite aussi La Belle Allemande. | Foto di Horace Abrahams / Getty Images
1945: James Rorimer davanti alla statua di Eva, tre dipinti di Cranach e tre Rembrandts in una stanza nel deposito di Berchtesgaden. A sinistra, la statua di Gregor Erhart, Santa Maria Maddalena, scopri anche come la Belle tedesca. | Foto di Horace Abrahams / Getty Images

Guarda il video: Louvre - Maria Madalena1515-1520 de Gregor Erhart (Gennaio 2020).

Загрузка...